Civallero__Francese__Rivoira__Fassino__Benedetto_1__01

Il Rotary Saluzzo compie 60 anni

Il Rotary Club di Saluzzo festeggia il sessantesimo anno di vita, dal giorno della sua inaugurazione ufficiale, il 26 giugno 1956, con il primo presidente Nino Bonelli. Per ricordare questa ricorrenza e ripercorrere il cammino che il sodalizio ha condotto in questo sessantennio, il presidente, Paolo Francese e il Consiglio Direttivo hanno organizzato un fine settimana di celebrazioni, il 18 e 19 giugno, coincidente con l’annuale scambio con il club gemello di Digne les Bains, che vede, quest’anno, gli amici francesi ospiti a Saluzzo. Le celebrazioni si apriranno con la conviviale di sabato 18 giugno, alle 20 presso il Ristorante Interno 2 di Saluzzo con i soci del Club di Digne e culmineranno con l’apertura della mostra “I sessant’anni del Rotary Club a Saluzzo”, presso la Chiesa della Croce Nera, in piazzetta San Nicola. La mostra, gratuita e aperta al pubblico, vuole ripercorrere la storia del club, ricordando i presidenti e i soci che la hanno segnata, ma soprattutto intende illustrare il presente del gruppo, con le sue molteplici attività a favore della società e tracciare le linee sua evoluzione futura.

La mostra, sarà inaugurata, alla presenza delle autorità locali e rotariane, domenica 19 giugno alle 10  e sarà visitabile dalle 10 alle 13  e dalle 15 alle 18,30.  “Per la sua collocazione è stato scelto un luogo di grande suggestione, posto nel cuore di Saluzzo e con le porte aperte sulla città – spiega il presidente Paolo Francese– per simboleggiare la volontà del Rotary Club di Saluzzo di non porsi come circolo esclusivo ed elitario, ma come associazione di servizio, profondamente radicata nella società saluzzese, aperta e attenta alle esigenze e alle emergenze del territorio e della collettività”.

I soci saranno a disposizione del pubblico durante l’orario di apertura della mostra per illustrare la storia del club, raccontare le attività attuali e presentare le linee progettuali individuate per i progetti futuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *